sabato 25 ottobre 2014

BLACK OUT: “spaventevoli notti” e “spaventevoli giorni” della smarrita umanità residua.



Sfugge ad ogni considerazione ciò che sta accadendo. Una manciata di secondi e tutto sarà già stato e ciò che sarà stato rimarrà illeggibile; inutile a sapersi. 
L’anima non sarà più vestita e ancor meno che nuda si mostrerà decapitata.

Precipitosamente e furiosamente, l’Età è sottratta alla riflessione del libero pensiero.

Tutti, indistintamente, siamo esaminati con nuovi e sconosciuti parametri, la realtà intera, consegnata alla menzogna ufficiale del fatto compiuto.

Tutto il presente è bonificato, irradiato, da circostanze necessarie che attuano l’inevitabile impoverimento - deterioramento dell’identità.

La storia, d’ora innanzi, per virtù della tecnica, sussisterà nell'assurda “spaventevole sosta dell’istante accelerato”, centrifuga dissolvente dell’anima decapitata.  




























.

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page